Articoli 
Visitatori
Visitatori Correnti : 2
Membri : 0 offline amministratore2009
Iscritti
 Utenti: 13
Ultimo iscritto : natalia
Lista iscritti
Messaggi privati: 3 Articoli: 3 Pagine: 4 Pagine lette: 5159 Notizie: 14 Preferiti: 2 Siti visitati: 2 Eventi: 9
Cerca
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

banner

Ripubblicizzazione dell'acqua
Inserito il 16 maggio 2010 alle 00:15:24 da amministratore2009.
Scorri le pagine dell'articolo:

La ripubblicizzazione dell'acqua

Ecco una breve panoramica di quello che sta succedendo nel Mondo riguardo la ripubblicizzazione dell'acqua. L'articolo che segue è tratto da www.remunicipalisation.org

La privatizzazione dell'acqua si è diffusa rapidamente in tutto il mondo negli ultimi 10 anni, soprattutto al Sud. Ma la tendenza ora sembra stia cambiando. Tariffe sempre più cresenti e un fallimento nei miglioramenti promessi hanno fatto crescere l'opposizione alle multinazionali.
Sempre più realtà locali sostengono il ritorno ai servizi pubblici dell'acqua attraverso la ripubblicizzazione, costringendo le multinazionali dell'acqua a sottrarsi a questi servizi in America Latina, Stati Uniti, Africa ed Europa.
Anche la Francia, un tempo conosciuta come il cuore della privatizzazione dell'acqua, sta abbracciando un ritorno alla gestione pubblica.
Il progetto Water Justice ha visto esempi di come le comunità in diverse parti del mondo stanno abbandonando la fallita gestione privatizzata dell'acqua per adottare una gestione pubblica dei servizi.

L'onda della ripubblicizzazione dell'acqua

Di fronte alla crescente domanda e di preoccupazioni per la salute pubblica nelle aree urbane, molti Paesi hanno risposto con l'espansione di moderni sistemi per l'acqua e per la sanità di proprietà pubblica. Ma negli anni 90 molti Paesi cominciarono a privatizzare l'acqua e i servizi igienico-sanitari, in particolare al Sud. Questa privatizzazione fu il risultato di forti pressioni da parte di governi neoliberali e istituzioni finanziarie internazionali per "aprire" i servizi nazionali.
Le promesse che la privatizzazione avrebbe aumentato la fornitura di acqua potabile e di servizi delle acque reflue presto vacillò. Molte delle operazioni di privatizzazione cominciarono presto a mostrare punti deboli dal momento che non riuscirono a raggiungere gli obiettivi di espansione e miglioramento delle reti ed introdussero aumenti tariffari eccessivi accanto spese di connessione che erano inaccessibili per le famiglie a basso reddito. Le attività di gestione non furono trasparenti e responsabili. Come conseguenza numerosi contratti con gli operatori privati furono chiusi spesso a seguito di agitazioni popolari. Molte città, regioni e persino i paesi scelsero di chiudere il capitolo della privatizzazione dell'acqua e intrapreso invece la  rimunicipalizzazione o la rinazionalizzazione dell'erogazione dell'acqua, in cui l'obiettivo non è quello di tornare alla realtà pre-privatizzazione, ma di sviluppare sistemi pubblici che soddisfino le esigenze dei cittadini. 
La rimunicipalizzazione non sta accadendo solo a livello dei singoli comuni (come in Francia o negli Stati Uniti) ma anche a livello regionale (come a Buenos Aires e nelle province di Santa Fe in Argentina) e nazionale (come l'Uruguay e Mali). Sono circa 40 i comuni e le comunità urbane in Francia che hanno riportato nelle mani pubbliche i servizi idrici nel corso degli ultimi dieci anni, beneficiando di tariffe più economiche e servizi migliori. Anche le città negli Stati Uniti, grandi e piccole, hanno rimunicipalizzato i loro servizi nella gestione dell'acqua come reazione al servizio scadente e prezzi eccessivi. In entrambi i paesi, alcuni degli operatori privati gestivano i servizi disonestamente e usavano pratiche finanziarie per aumentare i profitti.
Nel frattempo, diverse riforme innovative della gestione dell'acqua sono state adottate a seguito della rimunicipalizzazione, in particolare nei paesi del sud. Due buoni esempi di questa tendenza sono le riforme di democratizzazione del gestore idrico nazionale uruguaiano e la società di lavoratori della Provincia di Buenos Aires.
E' evidente che l'ondata di rimunicipalizzazione sta prendendo forza. Importanti campagne promosse da cittadini nelle maggiori città della Francia, come Parigi e Tolosa, stanno sostenendo la causa della rimunicipalizzazione dell'acqua. Negli Stati Uniti, la rimunicipalizzazione è stata promossa in diversi comuni. Campagne di rimunicipalizzazione sono in corso anche in altre regioni, come Córdoba (Argentina) e Città del Messico (Messico). Inoltre, in alcune zone, coalizioni nazionali si battono con forza per la rinazionalizzazione del settore come si è visto in Italia e in Irlanda del Nord.

 

 

bottom

banner